I tre tenori a Firenze

Ispirato dal celebre Luciano Pavarotti, Plácido Domingo e José Carreras, questo indimenticabile concerto e la magnifica esecuzione di arie d'opera e canzoni napoletane lascerà un meraviglioso ricordo del vostro viaggio in Italia: una fusione di diverse forme musicali che si svolge nel cuore di Firenze, presso lo splendido Auditorium di S. Stefano a Ponte Veccchio, il luogo più elegante e raffinato di questa meravigliosa città d'arte. Tre magistrali Tenori eseguiranno i capolavori che hanno reso famosa l'Italia in tutto il mondo, in questa occasione unica, accompagnati da un ensemble cameristico di mandolino, violoncello e pianoforte..... Questo tibuto al grande Pavarotti ospita le tre arie più famose di La Traviata, Rigoletto e Tosca, che vi colpiranno con la gioia di Napoli e delle sue canzoni. Preferiti come O sole mio, Funiculì Funiculì Funiculà e Torna a Surriento renderanno indimenticabile questa celebrazione del più grande artista di tutti i tempi, sia che si tratti della sua arie d'opera o delle sue canzoni napoletane, l'esecuzione dei tre tenori e dei superbi musicisti vi lascerà senza fiato.

 

Menu
(disponible à partir de septembre 2019)


Assortiment de salami et fromage toscan D.O.P. avec confiture d'oignons (miel sur la table).


Pici au ragùsauce de tomates Fiorentini et flocons de Parmisan.


Porc grillé au Filet de Thym et Caponatina de légumes.


Tartelettes à la crème aux deux chocolats.

Programma e cast

Acquista biglietti
Settembre 2019 Next
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do

Chiesa di Santo Stefano al Ponte

La chiesa di Santo Stefano al Ponte è un luogo di culto cattolico situato a Firenze nei pressi del Ponte Vecchio, cui deve il suo nome Ponte Vecchio. Si trova nella piccola omonima piazza Santo Stefano. La chiesa è il risultato di più interventi nel corso dei secoli. Tra questi spicca quello seicentesco che rimodellò l'interno, creando un'originalissima architettura di linee spezzate, priva di qualsiasi curva.
 

Le fasi costruttive di Santo Stefano al Ponte sono essenzialmente tre: una romanica, della quale resta solo la parte inferiore della facciata, una gotica e una del barocco fiorentino.

 

La facciata


La facciata conserva tracce dell'assetto romanico nella parte inferiore. Al centro si apre un portale sormontato da lunetta a tutto sesto (con un oculo) e incorniciato da un ricco paramento bicromo in marmo bianco e marmo verde di Prato. Le due porte laterali sono di struttura simile ma più piccole e prive di incrostazioni marmoree: la loro presenza rivela come anticamente la chiesa dovesse essere a tre navate. Nelle lunette laterali si trovano due rosoncini a forma di ruota e sopra di esse si aprono due bifore con colonnina e archivolto incrostato di marmi bicolore. La parte superiore della facciata ha un paramento a bozze più lisce e regolari che tradisce una datazione più moderna, fatta tra il XIII secolo e gli inizi del XIV. Vi si aprono tre finestre ad arco e una nicchia centrale con colonnine su peducci. Il coronamento a capanna è decorato daarchetti pensili.

 

L'interno
 

La parte più antica, di epoca gotica, è quella fino al terzo altare laterale; la parte finale della navata è successiva, con il tetto più alto di circa due metri e finestre lucifere nel muro di collegamento.

I grandi altari cinquecenteschi ai lati riprendono il modello di quellivasariani in Santa Croce, con timpano spezzato con medaglioni al centro, che in questo caso portano il monogramma di San Bernardino da Siena, forse in visita alla chiesa nel1424. Si ha anche notizia di una pala del Beato Angelico commissionata dai Gherardini nel 1418 per adornare la propria Cappella ed oggi perduta.

Il complesso delle decorazioni seicentesche volute dal marchese Bartolommei è imponente e ricco, ma non sovraccarico, secondo l'attenta misura del barocco fiorentino. La tribuna si apre con un grande fondale scenografico alla navata, che fa correre lo sguardo dell'osservatore in altezza e in profondità. Le membrature architettoniche sono tutte in pietra serena, che, secondo il più classico stile fiorentino-brunelleschiano, spiccano sull'intonaco bianco delle pareti. Il gioco di luci e ombre creato dai minuti elementi geometrici (i rilievi a scacchi, le spezzate, le sfaccettature, i dentelli) crea un effetto di "brulichio ordinato", che non dà all'occhio un attimo di posa. Ogni elemento curvilineo è accuratamente evitato: al posto del cerchio si trova il dodecaedro, al posto dell'arco una spezzata di sette lati (semi-dodecaedro), al posto della base curva nicchie e cupola a spicchi.

Il presbiterio è diviso in tre partizioni: la tribuna-cappella centrale e due cappelle laterali (delle quali però quella di sinistra è finta). La cappella centrale è inquadrata da un grande pseudo-arco (in realtà è un semi-dodecaedro) poggiante su poderosi pilastri con capitelli corinzi. Le facce centrali dei pilastri sono lisce, mentre quelle angolari contengono una decorazione a scacchiera con gigli, evidente richiamo allo stemma araldico dei Bartolommei. Oltre la trabeazione si trova un secondo ordine con lesene, finestre timpanate e balaustra in pietra serena, dove si apre anche la cantoria con l'organo. Sopra si imposta la cupola a spicchi, con tamburo e oculi, in omaggio a Santa Maria del Fiore.

In alto, nella navata, le capriate sono impostate su un cornicione sporgente retto da mensole a volute d'acanto. Il fregio sottostante è composto da oculi pseudo-ovali (anche qui tornano le linee spezzate) intervallate da rilievi di cherubini.

Eventi correlati