Les Indes galantes (Le Indie galanti)

Sinopsi


Prologo

Hébé e Bellona esaltano i piaceri dell'amore.

 

Primo atto: Il turco generoso

Valère vaga per il mondo alla ricerca del suo amore. Emilie viene catturata da Osman, ex servitore di Valère. Quando li trova entrambi, Osman pentito rilascia la prigioniera affinché possa ricongiungersi con il suo ex amante.

 

Secondo atto: Gli Inca del Perù

Viene rappresentata la rivalità fra l'inca Huascar e lo spagnolo Don Carlos, entrambi interessati alla principessa Phani.

 

Terzo atto: I fiori

Prima versione: il principe persiano Tacmas è innamorato di Zaire, schiava del suo confidente Ali. Fatima, schiava di Tacmas, è invece innamorata di Ali. Nella festa dei fiori finale l'intreccio è disvelato e i due si scambiano le schiave con soddisfazione generale.
Seconda versione: la sultana Fatima sospetta che suo marito Tacmas la tradisca con Atalide; si traveste allora come schiava, riuscendo a carpire la confidenza di Atalide, e comprende così l'infondatezza dei suoi sospetti.

 

Quarto atto: I selvaggi d'America

Ambientato in Nord America, dove uno spagnolo e un francese competono per l'amore di Zima, figlia di un nativo, la quale, invece, preferisce uno del suo stesso popolo.

Programma e cast

Squadra Creativa


Musica: Jean-Philippe Rameau

Libretto: Louis Fuzelier

Direttore: Leonardo García Alarcón

Regia: Clément Cogitore

Coreografia: Bintou Dembélé

Set di design: Alban Ho Van

Costume da disegno: Wojciech Dziedzic

Concetto iniziale del costume: Tim Van Steenbergen

Progetto illuminotecnico: Sylvain Verdet

Drammaturgia musicale: Katherina Lindekens

Drammaturgia: Simon Hatab

Direttore del coro : Thibault Lenaerts


Orchestra Cappella Mediterranea
Coro della Camera di Namur
Maîtrise des Hauts-de-Seine / Coro dei bambini dell'Opera di Parigi


Getto


Ebe: Sabine Devieilhe

Bellone: Florian Sempey

L'amore: Jodie Devos

Edwin Crossley-Mercer.

Emilie: Julie Fuchs

Valère: Mathias Vidal

Huascar : Alexandre Duhamel

Phani: Sabine Devieilhe

Don Carlos: Stanislas de Barbeyrac

Tacma: Mathias Vidal

Ali: Edwin Crossley-Mercer

Zaire: Jodie Devos

Fatica: Julie Fuchs

Adario: Florian Sempey

Damon: Stanislas de Barbeyrac

Don Alvar: Alexander Duhamel

Zima: Sabine Devieilhe

Acquista biglietti
Settembre 2019 Next
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do

Paris Opera - Opéra Bastille

Opéra Bastille


Un grande teatro moderno
L'Opéra Bastille è il lavoro del canadese uruguaiano architetto Carlos Ott, che è stato scelto nel novembre 1983, dopo un concorso internazionale che ha attirato le voci da circa 1.700 architetti. Il teatro fu inaugurato il 13 luglio 1989.
La sua architettura è caratterizzata da facciate trasparenti e con l'uso di materiali identici per entrambi gli interni e gli esterni.
Con i suoi 2.700 posti a sedere acusticamente coerenti, le sue strutture, la sua unica scena paesaggio integrato, workshop costume e accessori, così come le sue numerose aree di lavoro e le sale prove, l'Opera Bastille è un grande teatro moderno.

Fase strutture

Buca dell'orchestra, mobile e regolabile, può essere coperto; al suo più grande può ospitare 130 musicisti
Lo stadio principale, 45 m di altezza, 30 m di larghezza, 25 m di profondità, costituito da 9 ascensori che permettono diversi livelli di essere creato e supportato da tre ascensori principali, che portano scenario dal basso stadio
Zone di compensazione, 4 aree di stoccaggio con le stesse dimensioni del palcoscenico
Dietro le quinte zona, con i suoi giradischi paesaggio
Area di circolazione, scenario memorizzati temporaneamente tra la fase, workshop e stage prove
Prova fase, la Gounod Salle, con la sua buca dell'orchestra e dimensioni identiche a quelle del palco principale


L'edificio

Area a livello del suolo: 22.000 m²
Superficie: 160.000 m²
Altezza totale: 80 m (di cui 30 m sotto il livello della strada)


Le sale
L'auditorium principale


Superficie: 1.200 m², 5% del totale per la costruzione
Dimensioni: 20 m di altezza, 32 m di profondità, 40 m di larghezza
Numero di posti: 2703
Materiali: granito blu dal Lannelin in Bretagna, pero dalla Cina, soffitto di vetro


L'anfiteatro

Superficie: 700 m²
Profondità: 21,4 m
Numero di posti: 450
Materiali: bianco breccia di marmo di Verona, soffitto personale


Lo Studio

Superficie: 280 m²
Profondità: 19,5 m
Numero di posti: 237
Materiali: marmo bianco breccia da Verona e pero

Eventi correlati