Pasqua con Mascagni

Acquista biglietti
PreviousGennaio 2022
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do

Cavalleria rusticana


Il mondo è letteralmente impazzito per questo atto unico di Pietro Mascagni quando è entrato nella scena lirica con la sua audace opera che ha aperto nuovi confini al genere, e che centinaia di altri cercheranno di imitare. Il suo successo fu tale che non lo eguaglierà mai in nessuna delle sue opere successive. In uno dei principali esempi di verismo, i protagonisti di Mascagni sono persone comuni che cadono vittime delle proprie, sfrenate passioni.
Una musica accattivante e sensuale, con una tensione drammatica e coinvolgente. Amore, gelosia - e vendetta.


Direttore d'orchestra: Antonello Allemandi
Turiddu: Boldizsár László
Santuzza: Erika Gál
Lucia: Bernadett Wiedemann
Alfio: Zoltán Kelemen
Lola: Zsófia Kálnay


---


Messa di Gloria


Chi ha visto la famosa Cavalleria rusticana in un atto unico di Mascagni non dimenticherà mai l'Inno di Pasqua. La tragica storia che si svolge a Pasqua è l'abbinamento perfetto per la Messa di Gloria, che trasuda l'euforia della resurrezione, ma che è soprattutto una massa di fede innocente dell'Italia meridionale. Non è di poco conto anche il fatto che lo stesso Mascagni abbia provato e diretto la sua opera a Budapest e, come si dice, il suo successo qui l'ha infiammata come un razzo sulla strada per diventare un fenomeno mondiale.


Direttore d'orchestra: Antonello Allemandi
Tenore: Boldizsár László
Baritono: Zoltán Kelemen

Programma e cast

Erkel Theatre

Inaugurato nel 1911 in origine, il Teatro Erkel è il più grande edificio teatrale dell'Ungheria. La sua storia si intreccia con l'età d'oro di prestazioni di opera ungherese, con luminari come Luciano Pavarotti, Placido Domingo, Éva Marton e Grace Bumbry tutta aver abbellito la fase di un edificio la cui acustica sono considerati roba da leggenda dell'opera. 

 

Dopo essere stato persiane per più di cinque anni con il suo destino in dubbio dopo la chiusura nel 2007, il governo ungherese lo scorso anno ha fornito 1,7 miliardi di fiorini in sovvenzioni per il rinnovamento del teatro, permettendo l'Hungarian State Opera di ristrutturare il Teatro Erkel a uno standard adatto per tiene spettacoli. 

 

Gran parte delle ristrutturazioni ha avuto luogo dietro le quinte, con solisti e spogliatoi condiviso le camere e le aree comuni riadattati e ampliato. Inoltre, le apparecchiature tecniche del palcoscenico ha subito ammodernamento significativo, mentre i sistemi di servizio dell'edificio (acqua, idraulici, di riscaldamento e ventilazione), sono stati anche portato fino ad oggi. 

 

Il pubblico potrà ora entrare in un auditorium con un look completamente nuovo, mentre è stato fatto ogni sforzo per garantire che fantastiche proprietà acustiche dell'edificio sono rimasti invariati. Un fattore che aumenterà notevolmente il comfort è il moderno sistema di ventilazione installato nella zona salotto. Anche se il numero di posti è stato ridotto da 1.935 a 1.819 rimontando le file di sedili per un maggiore comfort, il teatro conserva tuttavia il suo rango come il teatro più alta capacità in Ungheria - e in Europa centro-orientale.

Eventi correlati